Il 16° Festival Suq – Teatro del Dialogo è partito a gran ritmo, con sorprese, emozioni e momenti indimenticabili: dopo il Teatro delle Albe che ha portato in scena il dramma del traffico di migranti via mare, e il Quartetto dell’Orchestra di Piazza Vittorio, è arrivata la “bella ciao” balcanica del mitico Shantel, il pungente e ammaliante Ascanio Celestini con i suoi racconti allegorici sul Piccolo Paese, e a sorpresa la visita della Ministro Roberta Pinotti. Insieme al fiume umano e variopinto di pubblico che ha invaso Piazza delle Feste per assaggiare le 15 cucine e scoprire i banchi degli artigiani, grande apprezzamento del pubblico per gli spettacoli della rassegna teatrale come per i concerti gratuiti. E’ tornato con un Omaggio a Don Gallo l’artista Moni Ovadia (guarda il video) , ha dispiegato la musica popolare Ambrogio Sparagna, ci ha fatto assaggiare il “Sahel blues” il senegalese Hampatè, ma si è parlato anche di senza dimora con lo scrittore Antonio Moresco, di rifugiati ricordando il prete di strada Don Gallo, di Sudafrica con l’Ambasciatrice Nomatemba Tambo e il giornalista Pietro Veronese, di capitali europee della cultura, di cibo, ambiente e consumo sostenibile con Di Stefano di Novamont, Castagna e Chef Kumalé.

Lasciamo parlare le immagini di questo entusiasmante 16° Suq Festival, fino a martedì prossimo 24 giugno al Porto Antico di Genova con appuntamenti da non mancare da Mario Perrotta allo spettacolo Per Gerusalemme per finire con i Radiodervish. Qui il programma e tutti gli approfondimenti. Se venite, raccontatelo anche voi: postate foto e video con #ilbellodelsuq e scegliete il vostro slogan della prossima edizione con #concorsuq.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come si spiega l’amore ai bambini?

next
Articolo Successivo

Scola e i miracoli: Milano avrà un vescovo ciellino

next