Dopo il successo all’esordio contro la Bosnia, arrivato dopo una prestazione poco brillante ma impreziosita dal super gol di Messi, l’Argentina torna in campo per la seconda giornata del Girone F. Di fronte avrà un avversario sulla carta morbido: l’Iran di Carlos Queiroz, che tuttavia nel match d’esordio ha tenuto il campo a testa alta bloccando sullo 0-0 la Nigeria. In caso di successo, la Seleccion di Sabella sarebbe matematicamente qualificata agli ottavi di finale dopo solo due partite. Per l’Argentina si tratterebbe del terzo Mondiale di fila nel quale riesce a vincere le prime due partite. Si gioca sabato 21 giugno allo stadio Minerao di Belo Horizonte con calcio d’inizio alle 18 ora italiana.

Le formazioni ufficiali di Argentina-Iran
Argentina (4-3-3): Romero; Zabaleta, Garay, Fernández, Rojo; Gago, Mascherano, Di Maria; Messi (c), Higuaín, Agüero. A disp.: Orion, Andujar, Campagnaro, Demichelis, Basanta, Fernandez, Rodriguez, Biglia, Perez, Alvarez, Palacio, Lavezzi. All.: Sabella.
Iran (4-5-1): Haghighi; Montazeri, Hosseini, Sadeghi, Pooladi; Dejagah, Teymourian, Shojaei, Nekounam, Hajsafi; Ghoochannejad.A disp.: Davari, Ahmadi, Heydari, Mahini, Alenemeh, Baikzadeh, Beitashour, Haghighi, Haddadifar, Rahmani, Jahanbakhsh, Ansarifard. All.: Queiroz.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Italia si complica la vita. Azzurri agli ottavi con vittoria o pareggio

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, retroscena Italia: il ko Marchisio ha bloccato l’ingresso Immobile

next