Forse se lo aspettava: è tornato nella sua patria da straniero, sapeva che non avrebbe ricevuto applausi. E così e stato. Accoglienza gelida in Brasile per Diego Costa. L’ormai prossimo attaccante del Chelsea, brasiliano di nascita ma naturalizzato spagnolo, è stato preso di mira in un allenamento da alcuni sostenitori verdeoro che gli hanno ripetutamente gridato ‘traditore’. Al 25enne originario di Lagarto nello stato del Sergipe, il più piccolo del Brasile, non viene evidentemente perdonata la decisione di avere preferito la Spagna alla Seleçao.

Diego Costa, inizialmente convocato da Felipe Scolari per due amichevoli nel febbraio 2013, aveva in seguito rinunciato alla Seleçao annunciando ufficialmente l’intenzione di giocare con le Furie Rosse, scatenando in questo modo le ire della Federazione brasiliana e dello stesso commissario tecnico verdeoro.

Diego Costa non si scompone e resta concentrato sul Mondiale: “I miei genitori sono molto contenti della mia scelta e la sostengono. Le critiche non mi toccano”, spiega l’attaccante che assicura di essersi pienamente ripreso dall’infortunio muscolare che ne ha condizionato la parte finale della stagione con l’Atletico Madrid.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, Prandelli ha un dubbio: chi tra Paletta e Bonucci in difesa?

prev
Articolo Successivo

Mondiale 2014, Messi avvisa il Brasile: “Meglio per loro che ci evitino…”

next