A poche ore dall’inaugurazione del 16° Suq Festival fa bene ascoltare un grande saggio.

Goffredo Fofi, nostro ospite per l’incontro Suq&Università sulle nuove piazze, esorta a non “disprezzare le maggioranze, ma considerarle come facilmente manipolate: la cultura usata per impedire di vedere in faccia le cose, per ‘distrarre’. Noi siamo sommersi da suoni inutili, parole inutili e immagini inutili. Ma anche invadenti, dannose… Quello che si può fare è resistere e tenere in piedi delle situazioni serie, solide e minoritarie. E’ una scelta essere minoranza eticamente determinata, con dei valori da affermare. Non ci lasciano un minuto soli, hanno paura che noi stiamo soli a pensare”.

Possiamo fare poco ma possiamo farlo, e il “decalogo in quattro punti” che Fofi ci ha consegnato è inequivocabile: “resistere, studiare, fare rete e rompere i coglioni”. Cambiare la società perché diventi una società solidale.

Con questo forte messaggio nel cuore e tanta gratitudine a maestri come Fofi e come i nostri indimenticabili Lele Luzzati e Don Gallo, partiamo con il 16° SUQ Festival – Teatro del Dialogo, da domani al 24 giugno al Porto Antico di Genova.

Come la cultura può aiutare a capire la complessità del mondo in cui viviamo, ed educare nuove e vecchie generazioni a quel dialogo che è l’unica prospettiva ragionevole del nostro futuro? A partire da questo interrogativo, nella varietà di proposte artistiche e culturali abbiamo scelto di dare un ruolo centrale alla rassegna Teatro del Dialogo, sette titoli con le voci di attrici e attori sensibili, da Ovadia a Celestini, testimoni di prestigio del panorama teatrale, copioni che toccano i temi scottanti di oggi. E poi grandi protagonisti musicali, focus sull’attualità e la memoria di importanti Paesi africani, l’Europa delle capitali culturali e il turismo nel Mediterraneo, gli studenti superiori in scena e la compagnia meticcia del laboratorio universitario Nel cerchio delle storie, i progetti solidali e le buone pratiche per l’ambiente, con in primo piano le attività educative tra cui il totem sul Mater-Bi della Novamont.

Quattordici cucine differenti a cui si aggiunge il SuqTruck, la cucina su ruote di Chef Kumalé. E ancora i laboratori per bambini, i gruppi di lettura in tante lingue, le officine gastronomiche e le storie dei pani, gli artigiani liguri della filigrana e l’artigianato di tante parti del mondo.

Ecco perché si chiama Suq, perché si fa piazza dello scambio e dell’incontro, dell’offerta di tanti aspetti della cultura e dell’arte, del convivere insieme seduti attorno a un tavolo. Come ci ha detto Goffredo Fofi citando Salvemini: “Fai quel che devi, accada quel che può”. E dopo 15 anni di cammino interculturale siamo certi di voler essere insieme a voi, come ha scritto Carla Peirolero, “trafficanti di sogni, spacciatori di culture”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta Mose: italiani ‘calpesti e derisi’

next
Articolo Successivo

Addiopizzo Travel, l’associazione antimafia apre il suo tour operator

next