Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti incontrerà l’ambasciatore della Croazia per affrontare la questione delle trivellazioni in mare. Lo ha detto lo stesso Galletti in audizione alla Camera spiegando che sarà affrontata anche la questione del “conflitto di interessi” fra i due Paesi su questa materia.

Per le “perforazioni a terra e a mare – ha detto Galletti – abbiamo norme molto stringenti e cautelative in Europa e le applicherò con severità”. Il ministro ha aggiunto che “se il parlamento ritiene che non vadano fatte trivellazioni, mai, se mi fa una legge sul punto io applicherò la nuova norma che il parlamento mi dà. Ma – ha detto Galletti rivolgendosi ai parlamentari delle commissioni Ambiente e Attività produttive – non mi potete dare una norma e poi dire che non la devo applicare. Creiamo aspettative negli investitori esteri che si rifanno a normativa” attuale e chiedono di poter fare trivellazioni. “Se la Via (valutazione di impatto ambientale) è positiva non posso fare nulla. Via e Aia (Autorizzazione di impatto ambientale) le farò con il massimo rigore e se sono positive non posso bloccarle altrimenti vado contro la legge che mi avete dato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee 2014, le parole d’ordine e la deriva reazionaria

prev
Articolo Successivo

Forza Italia, convegno per la rottamazione: “Ora le primarie. Con noi delusi M5S”

next