Non era mai successo nella storia del calcio. E ora è ufficiale: durante le gare dei Mondiali a rischio caldo, un medico della Fifa – un’ora e mezzo prima del calcio d’inizio – potrà decidere se istituire o meno due time out di tre minuti l’uno alla mezz’ora del primo e del secondo tempo per permettere ai giocatori di rifiatare. Si tratta di un precedente non di poco conto anche per le competizioni del futuro e, in particolar modo, per il Mondiale del Qatar (sempre se si farà). L’ipotesi era stata avanzata dal designatore arbitrale della Fifa Busacca, ieri in visita agli azzurri, che ha optato per questa scelta per via delle condizioni climatiche in Brasile: le partite ad alto rischio che riguardano gli azzurri sono i due match con Costa Rica e Uruguay che si svolgeranno alle ore 13 locali. L’indiscrezione, quindi, è diventata regola. Le partite dell’Italia sono tutte rischiose da questo punto di vista: quella con l’Inghilterra si preannuncia con un alto tasso d’umidità, mentre quelle con Uruguay e Costa Rica per via dell’orario locale (13) durante le quali si disputano prevederanno quasi sicuramente l’utilizzo del time out.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mario Balotelli sposa Fanny Neguesha, gli azzurri applaudono ‘promesso sposo’

prev
Articolo Successivo

Brasile 2014, Claudio Marchisio mette in guardia: “Cosa temo? Il clima”

next