Il mezzo milione destinato a Marco Milanese era finito dietro a un armadio della sede del Consorzio Venezia Nuova, il pool di imprese travolto dallo scandalo del Mose. Accadde quando la Guardia di Finanza arrivo negli uffici del Cvn per iniziare una verifica fiscale. Proprio quel giorno il mezzo milione doveva passare di mano. L’episodio lo racconta in un interrogatorio Claudia Minutillo, ex segretaria personale di Giancarlo Galan, una delle figure chiave dell’inchiesta, già arrestata nel primo filone dell’indagine, quello sulla Mantovani, e indagata anche in quello sul Mose. “Quella volta che la Guardia di Finanza arrivò in Consorzio Venezia Nuova a fare l’ispezione – riferisce Minutillo al pm – e Neri (uomo di fiducia di Mazzacurati, anch’egli indagato, ndr) aveva nel cassetto 500mila euro da consegnare, dissero, perché io non c’ero… Mi raccontarono ‘pensa che c’era Neri che aveva nel cassetto 500mila euro da consegnare a Marco Milanese per Tremonti, e li buttò dietro l’armadio'”. “La Guardia di Finanza – prosegue Minutillo nell’interrogatorio – sigillò l’armadio e la sera andarono a recuperarli”. Quel riferimento a Tremonti in realtà non ha niente a che vedere con illeciti, secondo inquirenti e giudici. I contatti degli imprenditori di Cvn (in particolare l’allora presidente Mazzacurati) con i politici sono parecchi. Con Letta, con Tremonti. Con il ministro dell’Economia Mazzacurati si vede per esempio il 17 giugno, pochi giorno dopo che sono stati sbloccati i finanziamenti per il Mose da parte del Cipe. Ma, tiene a precisare il gip Alberto Scaramuzza, sono “contatti del tutto privi di rilievo penale con l’on. Letta e con il min. Tremonti, non risultando da parte degli stessi alcun tipo di richiesta, ma risultando esclusivamente un interessamento da parte degli stessi rispetto ad un’importante opera quale il MOSE,rientrante nella tisiologia dei rapporti politico-istituzionali”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maria Tindara Gullo, deputata Pd rinviata a giudizio insieme ad altre 92 persone

prev
Articolo Successivo

Amianto, tra gli imputati del processo Pirelli anche l’ex presidente dell’Airc

next