“La causa prevalente della nostra flessione è un sistema d’informazione che non informa i cittadini”. Lo sostiene il senatore del M5s, Alberto Airola. Dalla dichiarazione del parlamentare pentastellato in piazza Monte Citorio nasce un battibecco con i giornalisti di Sky e Rainews. “Non sto dando la colpa agli altri, faccio autocritica, ma questo sistema porta l’Italia al settantatreesimo posto per libertà d’informazione. Lo dice anche Agcom che Renzi è stato sovraesposto: ogni volta che si accendeva la televisione, c’era lui che prometteva ottanta euro agli italiani. Abbiamo o non abbiamo una tv pubblica che da trent’anni è lottizzata? Vi saluto”  di Mauro Episcopo e Tommaso Rodano

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni europee 2014, i flussi dei voti: “Pd ha prosciugato Scelta civica”

next
Articolo Successivo

Elezioni europee 2014: l’Italia vuole cambiare, ma non con i vaffa

next