Il ministro della Giustizia libanese, Ashraf Rifi, ha già preso una decisione sulla richiesta di estradizione di Marcello Dell’Utri dopo aver ricevuto oggi la relazione del Procuratore generale. Ora tale decisione dovrà passare al vaglio del Consiglio dei Ministri. Forse già nella prossima seduta in programma venerdì. Lo rende noto l’Ansa che lo ha appreso da una fonte qualificata a Beirut.

Secondo alcune fonti locali la sostituta procuratrice Nada al Asmar, che ha trasmesso gli atti al procuratore generale presso la Cassazione libanese, Samir Hammud, avrebbe espresso parere favorevole all’estradizione dell’ex senatore. L’avvocato libanese dell’ex senatore, Akram Azoury, al Palazzo di Giustizia oggi per incontrare il procuratore, aveva fatto sapere di aver “presentato un memoriale giudiziario lunedì, quando Dell’Utri è stato interrogato. Un documento – aveva sottolineato l’avvocato – di cui il procuratore dovrà tenere conto, rispondendo punto per punto”.

Dell’Utri, condannato a 7 anni in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa è in stato di arresto dal 9 aprile scorso all’hotel Phoenicia di Beirut, da cui è uscito solo pochi giorni fa per un breve interrogatorio di fronte ai magistrati libanesi. Resta l’opposizione dell’avvocato libanese di Dell’Utri, che ha annunciato ricorso alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo e ipotizzato di poter ricorrere in Consiglio di Stato contro una eventuale decisione positiva del paese dei cedri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, il macchinista in aula: “Da quella sera basta treni”

prev
Articolo Successivo

Expo 2015, interrogato Maltauro. “Alla cupola degli appalti 1,2 milioni”

next