La vedova del conducente dell’auto nella quale è morto l’anno scorso l’attore americano Paul Walker (noto per i film di “Fast and Furious”) ha fatto causa alla Porsche.

Il ricorso afferma che la Carrera GT del 2005 nella quale si trovavano il conducente Roger Rodas e Walker non avrebbe avuto una protezione anti-collisione efficace né dispositivi di sicurezza di riserva, che avrebbero salvato i due. La causa è stata fatta a Los Angeles dalla vedova di Rodas, Kristin.

I funzionari di polizia, all’epoca dell’incidente, ritennero che Walker e il suo amico a bordo della Porsche non stessero facendo una gara di velocità come ipotizzato in un primo momento. L’auto si era schiantata contro un palo della luce e un albero. L’auto ha poi preso fuoco. I due stavano ritornando sa un evento per una raccolta fondi di beneficenza quando hanno avuto l’incidente lungo una strada che resta isolata dal traffico, soprattutto nei fine settimana per questo location di corse d’auto.

L’attore si trovava a Santa Clarita con Rodas per una mostra d’auto di beneficenza a favore dei sopravvissuti del tifone Haiyan nelle Filippine. Nel 2010, dopo il terremoto di Haiti, Walker aveva fondato un’organizzazione benefica per aiutare le vittime di disastri naturali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Israele, ex premier Olmert condannato a 6 anni per corruzione

prev
Articolo Successivo

Haiti, archeologo marino trova relitto della Santa Maria di Cristoforo Colombo

next