Sempre più stranieri a gestire pasticcerie e gelaterie nel nostro paese: a dirlo sono i numeri dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza. Sono 637 in Italia i titolari stranieri di imprese individuali nel settore di pasticceria e gelateria (su un totale di 10.378), una cifra aumentata del 7 per cento in tre anni. Detiene il primato Milano con il 20,2 per cento di presenze straniere, 26 su un totale di 129 esercizi. Seguono Firenze (16,2%) e LAquila (11,5%).

In Italia sono complessivamente 18.895 le pasticcerie e gelaterie attive a marzo 2014, di cui circa 3mila sono concentrate nei soli capoluoghi di regione. Sui numeri Roma batte tutti, con quasi mille attività, che rispetto al 2013 registrano un +4,9.%. Le altre città “più dolci” della classifica? A seguire Napoli (341 imprese attive), Torino (338) e Milano (311).

A preparare coni e bignè sono soprattutto gli uomini, il 66,6% di pasticceri e gelatai, considerando i capoluoghi di regione italiani. Il record di presenze femminili spetta a Trento (62,5%) e Genova (50,8%). Al Sud, invece, netta predominanza maschile: in particolare, a Catanzaro e Potenza oltre 8 imprese individuali su 10 hanno come titolare un uomo. Ultima curiosità, che riguarda l’età: Bari ha i pasticceri più giovani, con un’impresa individuale su 6 gestita da ragazzi sotto i 30 anni (16,2%), immediatamente seguita da Genova (13,1%), Trento (12,5%) e Bologna (10,9%).

In un anno, ancora rispetto ai capoluoghi di regione, il numero di pasticcerie e gelaterie attive è complessivamente aumentato dell’1,2%, passando dalle 2943 del marzo 2013 alle 2978 dello stesso periodo nel 2014. Tornando invece alla nazionalità degli artigiani dei dolci nel Bel Paese, il record negativo in quanto a multiculturalità va a Bari, Catanzaro, Cagliari e Palermo, dove sono soltanto gli italiani a gestire individualmente gelaterie e pasticcerie.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Videogiochi, dalle origini all’età dell’oro

prev
Articolo Successivo

Firenze Gelato Festival 2014, il miglior maestro gelatiere d’Italia è Fabrizio Fenu

next