Blitz di alcuni No Tav nella notte che hanno lanciato petardi e altri artifici pirotecnici in direzione del cantiere Tav di Chiomonte. E’ successo intorno all’una e mezza di questa notte: una decina di attivisti No Tav, vestiti di nero e a volto coperto, ha raggiunto le reti del cantiere e lanciato i petardi, usando anche dei mortai artigianali. Poi sono fuggiti nella boscaglia. Nel bosco intorno al cantiere le forze dell’ordine hanno trovato diversi petardi, nonchè 50 chiodi a 4 punte sparsi sulla strada asfaltata esterna al cantiere e sui sentieri boschivi della Val Clarea. Le operazioni di messa in sicurezza dell’area, compresa la bonifica del vicino tratto autostradale e della viabilità di Giaglione, sono terminate intorno alle 3.30. Il cantiere ha proseguito regolarmente le attività. Sull’episodio indagano gli uomini della Digos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genny ‘a carogna, dalla serata hooligans di Londra alla trattativa di Napoli

next
Articolo Successivo

Genny ‘a Carogna merita di diventare prefetto: appello a Renzi

next