Il nome “Buddha Bar” campeggia su locali alla moda di tutto il mondo, su compilation musicali e su programmi radiofonici di culto, ma l’ultimo bar dedicato alla divinità asiatica ha scatenato una contesa diplomatica fra l’Italia e lo Sri Lanka. A Sala Baganza, paese della provincia di Parma, un negoziante ha deciso di chiamare circa un mese fa “Buddha Bar” il suo locale con annessa tabaccheria, con tanto di tradizionale insegna con rappresentata la divinità, ma questo ha scatenato la protesta della locale comunità cingalese. Il comune di Sala Baganza ha ricevuto, racconta il titolare del locale Luca Delvasto, “protesta formale da parte del governo dello Sri Lanka per la denominazione che offenderebbe il loro credo religioso”.

L’ambasciata cingalese avrebbe già mosso i primi passi dal punto di vista legale per la rimozione almeno dell’insegna. La vicenda ha avuto nelle ultime ore risonanza non solo in provincia di Parma ma anche sui media internazionali, come il Daily Mirror che alla protesta ha dedicato un approfondimento. “Siamo disponibili ad incontrare i rappresentanti istituzionali del governo dello Sri Lanka – spiega a Tv Parma Simone Alberici, legale del titolare del bar – vogliamo evitare in tutti i casi che il nostro bar possa danneggiare i rapporti diplomatici tra i due paesi”. Ma di cambiare nome per ora non se ne parla anche perché, spiega il titolare del bar, “nel mondo sono migliaia i locali che hanno già questo nome. Perché dobbiamo essere noi a cambiarlo?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caos mense scolastiche, Comune: “Presto il biologico”. L’azienda: “Manca un piano”

prev
Articolo Successivo

Rimini, attivisti piantano marijuana nel giardino del Comune: “Liberalizzare”

next