E’ durato un’ora l’incontro tra Matteo Renzi e Giorgio Napolitano al Quirinale. Un faccia a faccia chiesto ieri dal Capo dello Stato per fare il punto sul percorso delle riforme costituzionali, in particolare sull’intreccio legge elettorale – modifica del Senato. Il nodo, infatti, è proprio sui tempi dei due provvedimenti, visto che l’Italicum riguarda solo la Camera dei deputati, dando per scontata l’abolizione di Palazzo Madama come organo elettivo. Il problema è che su quest’ultima riforma gli ostacoli sulla strada del governo Renzi non sono ancora stati superati. A partire dall’incognita di Forza Italia. Tanto che, secondo i retroscena pubblicati sui quotidiani questa mattina, il premier sarebbe pronto a offrire al Colle un “piano B” in caso di mancanza di voti: estendere l’Italicum anche al Senato e andare al voto entro la primavera 2015.

La posizione di Forza Italia resta indecifrabile, fatta di passi avanti e improvvise chiusure. Proprio oggi, in contemporanea con il colloquio Renzi-Napolitano, Silvio Berlusconi torna a parlare delle riforme – nel corso della conferenza stampa a Milano per la presentazione dei candidati Forza Italia alle Europee per la circoscrizione Nord Ovest – rivendicandone la paternità (e non escludendo di volerle votare). “Le riforme che arrivano non sono quelle del signor Renzi ma le nostre. Se c’è qualcuno che da vent’anni chiede e vuole fare le riforme, questo si chiama Forza Italia, si chiama Silvio Berlusconi”. E smentisce le ricostruzioni dei giornali che parlano di un suo passo indietro a riguardo. “I soliti sciocchi in malafede hanno accusato, come al solito, Berlusconi di non mantenere i patti e di non voler fare le riforme” e di voler “fare un passo indietro. Io nella mia vita privata, nella mia vita da imprenditore e da uomo di Stato ho avuto una sola volta l’occasione di non mantenere la parola e non per colpa mia. Se c’è qualcuno che mantiene la parola data sono io”. Poi una nuova apertura: “Siamo pronti a sederci a un tavolo per discutere l’effettiva composizione del Senato“. Insomma, una nuova apertura a meno di 48 dall’intervento a Porta a Porta un cui aveva definito “invotabile” la riforma del Senato. Per l’Italicum, invece, parole meno lusinghiere: “Abbiamo detto sì, ma la legge che sta venendo fuori è molto peggio del Porcellum“, ha aggiunto, ricordando che la legge elettorale “non è una riforma costituzionale” e precisando che “se si andasse al ballottaggio tutti i voti dei Cinque stelle andrebbero alla sinistra”. Ma l’orizzonte, riforme o meno, è quello delle elezioni politiche: “Si voterà sicuramente entro un anno e mezzo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Gaffe politiche: a vincere è Alessia Morani del Pd

next
Articolo Successivo

Sondaggi elettorali, Crespi: “Boom M5s? Grazie alla svolta comunicativa di Grillo”

next