Altro che roba da adolescenti o studenti universitari fannulloni, i videogiochi possono servire a diagnosticare e persino a curare delle malattie. L’ultimo esempio viene dagli Usa, dove sono appena iniziati i primi test di un videogioco per iPad e iPhone che potrebbe diagnosticare l‘Alzheimer e persino curare altri problemi neurologici.

Il gioco, spiega la rivista Ieee Spectrum, si chiama Project:Evo, ed è stato ideato dalla start up Akili Interactive Labs, che ha già trovato un paio di multinazionali farmaceutiche interessate a finanziare i test. Muovendo il dispositivo l’utente indirizza un alieno che percorre un fiume, e allo stesso tempo deve premere sullo schermo in corrispondenza di pesci o uccelli. L’esercizio, messo a punto dal neuroscienziato dell’università di San Francisco Adam Gazzaley, mette in moto quello che in neurologia si chiama ‘elaborazione di interferenza’, una funzione che è tra le prime a venire meno in caso di problemi neurologici. Attualmente l’Alzheimer viene diagnosticato con certezza solo con una Pet, un esame molto costoso al cervello in cui si ricercano le placche amiloidi, accumuli di proteine che causano la malattia. Nel test sono stati reclutati pazienti che hanno un’alta quantità di placche e altri ancora all’inizio della malattia, per verificare se questo influisce sui punteggi di gioco. “Se riusciamo a dimostrare che i risultati del gioco sono proporzionali alle placche – spiega uno dei fondatori della compagnia, Eric Elenko – avremo un metodo di diagnosi economico e preciso”.

In altre sperimentazioni in corso i ricercatori della compagnia cercheranno di verificare se un uso regolare del gioco possa migliorare i sintomi di deficit di attenzione, autismo e depressione, in cui è coinvolto lo stesso meccanismo neuropsicologico. “Abbiamo creato un prodotto che sembra un gioco di intrattenimento – spiega – ma che in realtà è basato sulla scienza. Il sistema raccoglie dati 30 volte al secondo mentre l’utente gioca e li analizza in tempo reale. Potremmo metterlo direttamente sul mercato, ma preferiamo fare i test e farlo registrare dall’Fda come dispositivo medico”.

Il mondo dei ‘videogiochi che fanno bene’ sta diventando piuttosto affollato negli ultimi anni. Sperimentazioni sono in corso sulla schizofrenia da parte del centro ricerche statunitense Brain Plasticity, mentre altri progetti stanno utilizzando Nintendo Wii e Playstation per la riabilitazione delle vittime di ictus, solo per fare alcuni esempi.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata Malaria, “microscopio origami per diagnosi veloci” ideato a Stanford

next
Articolo Successivo

Siamo noi stessi la causa delle nostre patologie?

next