Resta in carcere Stefano Costa, candidato del Movimento 5 Stelle per le comunali di Bassano del Grappa, arrestato ieri con l’accusa di aver organizzato un sequestro lampo ai danni di un imprenditore padovano. Lo ha deciso oggi il giudice delle indagini preliminari Stefano Furlani, che ha firmato a suo carico l’ordinanza di custodia cautelare.

Costa, 37 anni, originario di Campese, in provincia di Vicenza, si è avvalso della facoltà di non rispondere, riservandosi di chiedere un colloquio con il pubblico ministero una volta che saranno chiarite le attività di indagine svolte a suo carico. Secondo le indagini dei carabinieri, Costa è responsabile assieme a Nerio Corò, 46 anni, di Noventa di Piave (Venezia), di rapina aggravata in concorso, estorsione e sequestro di persona, ai danni di un imprenditore 56enne del padovano il quale, a novembre del 2013, aveva subito un sequestro “lampo” per la cui liberazione erano stati chiesti come riscatto 200.000 euro.

L’imprenditore secondo le ricostruzioni, una volta liberato, aveva subito diverse minacce dai due indagati per rispettare il pagamento. La vittima si era quindi rivolta ai carabinieri di Cittadella, che avevano identificato i due presunti estorsori. 

A quanto emerge, i due malviventi per intimidire l’imprenditore si erano presentati come affiliati alla ‘ndrangheta. Gli arresti rientrano in una più vasta operazione dei carabinieri di Padova, contro la criminalità, che ha portato in tutto a 13 arresti e 19 denunce.

Il M5s di Bassano ha stracciato la candidatura di Costa e sta nuovamente raccogliendo le firme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emanuela Orlandi, Ali Agca: “Prigioniera del Vaticano. Papa Francesco la liberi”

next
Articolo Successivo

Roma, Authority: “Tempi e costi lievitati per la Nuvola dell’archistar Fuksas”

next