Scontro rovente in più atti tra Renato Brunetta e Lilli Gruber, durante “Otto e mezzo”, su La7. Il capogruppo di Forza Italia alla Camera non lesina definizioni caustiche su Matteo Renzi (“spudorato”, “se ne intende di chiacchiere”, “è il peggio del peggio”) e si pronuncia sugli 80 euro promessi dal premier (“è un bonus ‘una tantum'”). La Gruber ribatte: “No, il presidente del consiglio ha detto che sarà strutturale”. Sarà Stefano Feltri, giornalista de Il Fatto Quotidiano, ospite del programma, a precisare che in realtà Renzi ha i soldi per farlo ‘una tantum’, ma ha promesso di farlo strutturale. E il deputato, armeggiando una penna, redarguisce la conduttrice: “La sua replica è sbagliata, obiezione respinta. Lei crede a quello che ha detto Renzi? Ci crede? Creda al buon Feltri”. Il secondo atto della polemica si ha quando viene presentato il nuovo libro di Brunetta, “La mia utopia”, dove il parlamentare propone come sistema per superare la crisi economica quello narrato in “Moby Dick” di Herman Melville. La Gruber chiede cosa c’entra. Piccata la risposta del capogruppo di FI: “Vedo scetticismo nel suo atteggiamento. Questo è il libro della mia vita. E vorrei trattarlo con un po’ di serietà. E’ un modello che guarda un po’ lontano.”. “Siete stati al governo per tanti anni però, non avete guardato tanto lontano”, osserva Lilli Gruber. Brunetta insorge: “Quando lei si è candidata ed è stata eletta al Parlamento Europeo, ha guardato lontano. Poi si è dimessa e se n’è andata”. Segue un serrato botta e risposta tra il deputato e la Gruber. La polemica deflagra quando si parla della nascita del governo Monti: “L’Italia ha subito una violenza democratica senza pari e Napolitano l’ha supportata”. La Gruber chiede: “Ma stavamo fallendo o no?”. Il parlamentare perde le staffe: “Assolutamente no. La sua ironia forse sarebbe più supportata se lei studiasse un po’di più”. E nel finale celebra con toni enfatici Sarah Varetto, direttore di Sky Tg24, chiamata a moderare il convegno ”Young Factor – un dialogo tra Giovani. Economia e Finanza”, in programma il 23 maggio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europee, Idv presenta le candidature. Di Pietro: “Non sarò in lista”

next
Articolo Successivo

Renzi, il suo decreto Irpef è dunque un bluff?

next