“La scelta di fare l’egittologo nasce quando avevo 12 anni”. Christian Greco oggi di anni ne ha 39 e da aprile è il nuovo direttore del Museo Egizio di Torino, l’esposizione permanente sul regno dei faraoni più importante d’Europa. La sua nomina ha destato un certo interesse anche tra i non addetti ai lavori: un cervello in fuga che torna in Italia per dirigere un prestigioso polo culturale. Greco frequenta l’università tra l’Italia e l’Olanda, a Leiden dove tutt’ora insegna: “Penso che la formazione universitaria italiana mi abbia permesso di avere una carta in più rispetto ai miei colleghi olandesi”. Per il rilancio del museo torinese Greco sta allestendo una fitta rete di collaborazioni. Sono in programma già per quest’anno degli scavi, condotti dagli archeologi del museo piemontese, nell’area di Saqqara, a Sud del Cairo. Ma il giovane direttore ha le idee chiare anche sul Bel Paese: “Abbiamo pensato che il nostro patrimonio culturale fosse una spesa, u n onere di cui ci dovevamo fare carico. Invece è la nostra ricchezza”  di Cosimo Caridi

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fuga dei cervelli, la nuova diaspora italiana?

prev
Articolo Successivo

Parigi, ‘doppia fuga’ di un prof. d’italiano: “Prima dall’Italia, poi da nostra ambasciata”

next