UniCredit e i Commissari delle società in amministrazione straordinaria del gruppo Cirio hanno raggiunto un accordo transattivo per la definizione di tutti i reciproci rapporti e pretese riferibili all gruppo bancario, anche quale successore della Capitalia di Cesare Geronzi. L’accordo prevede un esborso per UniCredit di 178 milioni oltre alla rinuncia alle azioni e ai crediti, per un valore complessivo per il gruppo Cirio superiore a 200 milioni. Che si confronta con il valore di oltre un miliardo di euro della bancarotta del gruppo agroalimentare di Sergio Creagnotti di cui hanno fatto le spese migliaia di risparmiatori che avevano investito nei bond con il marchio dei pomodori pelati.

I Commissari, autorizzati dal Comitato di Sorveglianza e dal ministero dello Sviluppo Economico, “pur convinti della fondatezza delle pretese azionate, sono addivenuti alla composizione transattiva per evitare lunghi, complessi e onerosi contenziosi e poter acquisire risorse da distribuire in tempi rapidi ai creditori concorsuali”, spiega una nota. Dal canto suo la banca “conferma il convincimento che i comportamenti nella vicenda sono stati sempre improntati a correttezza e che non si è mai avuta consapevolezza alcuna dello stato di insolvenza delle società del Gruppo Cirio” che generò. La decisione sarebbe quindi “esclusivamente motivata dall’intento di eliminare i costi e le incertezze di un lungo e complesso contenzioso e non comporta alcun riconoscimento – neppure implicito – di responsabilità di sorta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia-Etihad, il pallino è in mano alle banche. Alternativa? Il fallimento

prev
Articolo Successivo

Parmalat riduce consiglieri cda. Azionisti minoranza: “E’ abuso. Meno diritti per noi”

next