Revocati gli arresti domiciliari per Manlio Cerroni, patron dell’ex megadiscarica di Malagrotta e coinvolto in un’inchiesta della procura di Roma su presunti illeciti legati alla gestione e smaltimento dei rifiuti a Roma e nel Lazio. A deciderlo è stato il gip Massimo Battistini che ha disposto la scarcerazione anche per le altre persone coinvolte nell’inchiesta.

A carico di alcuni indagati il giudice ha applicato una misura più lieve come il divieto della dimora a Roma. La procura nei giorni scorsi si era espressa per un affievolimento dei domiciliari anche perché il 5 giugno prossimo per tutti è fissata la prima udienza del processo.

Manlio Cerroni, monopolista nella gestione del pattume nella capitale e nel Lazio, durante gli anni sia del centrodestra che del centrosinistra, era ai domiciliari dal 9 gennaio. Con lui agli arresti domiciliari c’erano altre sei persone: l’ex presidente della Regione Lazio Bruno Landi, i dirigenti regionali Luca Fegatelli e Raniero De Filippis; Francesco Rando, gestore della Pontina Ambiente e della E.giovi srl che, insieme al Consorzio Co.la.ri., è tra le aziende principali di Cerroni; Pino Sicignano, direttore della discarica di Albano Laziale e Piero Giovi  socio di imprese e storico collaboratore di Cerroni. Tra i reati contestati a vario titolo agli indagati vi sono l’associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti e la truffa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Compravendita, per Berlusconi proroga indagini per finanziamento illecito

next
Articolo Successivo

Equitalia, fermi nelle casse 2 miliardi di euro confiscati alla criminalità organizzata

next