Il gup di Trani ha rinviato a giudizio cinque dirigenti della società delle carte di credito American Express, di cui tre apicali, per usura e truffa continuata e aggravata ai danni di cittadini della provincia di Barletta-Andria-Trani. La decisione arriva nell’ambito di un’inchiesta sulle carte di tipo revolving (cioè quelle che permettono di comprare oggi e pagare in rate mensili, invece che a saldo il mese successivo) condotta dal pubblico ministero Michele Ruggiero e dalla Guardia di Finanza. Secondo l’accusa, sui prestiti realizzati attraverso la Gold Credit Card American Express venivano applicati tassi di mora (quelli previsti in caso di ritardo nei pagamenti) usurari. Il gup Francesco Messina ha respinto tutte le eccezioni preliminari sollevate dalla difesa sulla competenza e sulla giurisdizione della Procura di Trani.

Il rinvio a giudizio è stato disposto per Daniele Di Febo e Melissa Peretti,: il primo, oggi in JP Morgan, all’epoca dei fatti era a capo della funzione compliance (il controllo della conformità alle regole), la seconda, oggi vicepresidente marketing e small business, guidava l’area prodotti carte. Avevano invece chiesto e hanno ora ottenuto il giudizio immediato Giglio Del Borgo, Massimo Quarra e Francesco Fontana, quali responsabili di American Express. L’inchiesta è cominciata nel 2008 dopo la denuncia di un molfettese che, a fronte di un prestito di 2.600 euro per il quale non aveva pagato una rata di 129,43 euro, si era visto recapitare una richiesta di 686,54 euro, cioè oltre cinque volte il dovuto, con un tasso di interesse di mora molto superiore alla soglia – il 25,23% per il trimestre di riferimento – fissata dalla legge antiusura: secondo le perizie sfiorava il 250%. Nel processo sono costituiti parte civile l’Adusbef (Associazione per la difesa dei consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi) nazionale e pugliese e alcuni clienti che si ritengono danneggiati. L’udienza dibattimentale si terrà il prossimo 18 settembre.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rcs, i Merloni escono dal capitale. “Riserve sul piano” del gruppo editore del Corriere

next
Articolo Successivo

Unicredit, all’ad Ghizzoni 2,3 milioni di stipendio. Ma niente bonus

next