Giornata di sorteggi per Champions League ed Europa League. Real Madrid e Bayern Monaco si affronteranno nella semifinale di Champions, l’altra sfida sarà Atletico Madrid e Chelsea. Le gare di andata sono in programma il 22-23 aprile, quelle di ritorno il 29-30. Pep Guardiola è “felice” di affrontare il Real e non vede l’ora di sfidare i blancos per un posto nella finalissima di Lisbona. “Sono contento, tutta Europa guarderà le due partite. Sarà un grande spettacolo. Per l’ex allenatore del Barcellona, ovviamente, il Real Madrid di Carlo Ancelotti non ha segreti. “Lo conosco molto bene, l’ho affrontato tante volte da giocatore e da allenatore. Mi piace quando le squadre migliori e gli allenatori migliori si sfidano”. 

Siviglia e Valencia si sfideranno in un derby nelle semifinali di Europa League, l’altra sfida è Benfica e Juventus. La finale della manifestazione si giocherà proprio allo Juventus Stadium di Torino. Due i precedenti tra la Juventus e il Benfica nelle coppe europee. Il primo risale alle semifinali della Coppa dei Campioni 1967/68, l’epoca d’oro del club lusitano. E infatti il doppio confronto vede il successo del Benfica sia all’andata per 2-0 a Lisbona, che al ritorno a Torino per 1-0. Parziale riscatto della Juventus nel secondo precedente, che risale ai quarti di finale della Coppa Uefa 1992/93. In quell’occasione il Benfica vinse all’andata a Lisbona per 2-1, ma la Juve ribaltò il risultato al ritorno a Torino con un perentorio 3-0. Di buon auspicio il fatto che poi i bianconeri si aggiudicarono il trofeo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stadi, se la Serie A è ferma, la Lega Pro si muove: pronti 16 progetti di ritrutturazione

prev
Articolo Successivo

Mondiali Brasile 2014, i 42 di Prandelli: ci sono Cassano e Rossi, non Toni e Totti

next