Ingegneri, fisici e matematici all’asta su eBay. Sul noto sito e-commerce che vende prodotti di qualsiasi genere in tutto il mondo, tra milioni di offerte di auto, lavatrici e mobili, spunta l’avviso di vendita di un intero gruppo di professionisti della Micron, che dal prossimo 7 aprile rischiano di perdere il posto. La società americana specializzata in microtecnologia, con sedi in diverse città italiane dal nord al sud, ha annunciato i tagli a causa degli esuberi. Ecco allora l’idea: mettersi all’asta online per proporsi al miglior offerente.

Si tratta di 419 dipendenti, molti dei quali laureati in materie scientifiche, ma anche tecnici e informatici, che senza mezzi termini “vendono” la propria professionalità su eBay. Ecco cosa si legge nell’annuncio, corredato da una foto di gruppo: “Eccellenze di microelettronica dal 7 aprile in vendita nelle sedi di Agrate, Vimercate, Avezzano, Arzano, Catania” (cioè le sedi nella provincia di Monza Brianza, L’Aquila e Napoli) e in chiusura, “astenersi perdintempo e delocalizzatori“.

Non solo una provocazione, ma anche la voglia di mettersi in gioco e puntare il dito contro un mercato del lavoro sempre più asettico, in cui il capitale umano finisce spesso per essere trattato come un qualsiasi altro prodotto. E’ così che insieme ai vini e all’alto artigianato, su eBay si potrà fare un’offerta per accaparrarsi al ribasso un altro tipo di eccellenza: il lavoratore italiano di profilo elevato.

La battaglia dei dipendenti Micron (223 solo quelli del sito di Agrate in Monza Brianza ma ci sono anche 17 abruzzesi), si combatte da tempo a colpi di post su facebook e twitter, con l’hashtag #casomicron. “La rabbia per come stanno andando le cose è data soprattutto dal fatto”, spiegano i professionisti a rischio, “che negli anni scorsi la Micron ha ricevuto 150 milioni di euro di contributi pubblici per creare 1500 posti di lavoro”.

Del caso Micron, colpisce che dopo essere diventata proprietaria di tecnologie e brevetti “sviluppati da italiani in Italia” e “nonostante i risultati dell’ultimo trimestre rappresentino un record per la società, i cui ricavi ammontano a oltre 4 miliardi di dollari”, il 21 gennaio 2014 abbia aperto la procedura di licenziamento collettivo per 419 esuberi su un totale di 1070 addetti.

Poche settimane fa, una piccola apertura. L’azienda ha ribadito la volontà di rimanere in Italia a fronte di un investimento di circa 20 milioni di dollari in due anni, condizionati però alla firma di un’intesa sulla procedura di licenziamento collettivo. Dalla Micron si sono detti disposti a ridurre i tagli del personale, ma sempre di tagli si dovrà parlare: almeno in 100 dovrebbero andare via. L’incentivo per l’esodo volontario è stato aumentato a 18 mensilità e si tratta sulla ricollocazione, anche se dal ministero “non si ritiene possibile costruire un accordo scritto che garantisca questo processo”. Ora, le speranze dei lavoratori sono tutte riposte negli incontri romani di questi giorni tra azienda e sindacati, un estremo tentativo per cercare una soluzione che eviti gli annunciati licenziamenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cgil compra spazio pubblicitario contro Landini. “Uso smodato dei mass media”

prev
Articolo Successivo

Torino: gli operai scioperano, l’azienda li licenzia e chiede 200mila euro di danni

next