Il magistrato Raffaele Cantone è il nuovo presidente dell’Autorità anticorruzione, l’organo che ha il compito di valutare la trasparenza e l’integrità all’interno dell’amministrazione pubblica. La Commissione Affari Costituzionali del Senato ha votato all’unanimità, con 24 sì, la scelta del premier Matteo Renzi.

Cantone, 51 anni napoletano, è stato fino al 2007 alla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo campano. Ha condotto le principali indagini contro il clan camorristico dei Casalesi che hanno portato all’ergastolo i più importanti capi di quel gruppo, fra cui Francesco Schiavone, detto Sandokan, Francesco Bidognetti, detto Cicciotto ‘e Mezzanott, Walter Schiavone, detto Walterino, Augusto La Torre, Mario Esposito e numerosi altri. Oggi lavora all’ufficio Massimario della Corte di Cassazione.

“Tutti i partiti, maggioranza e opposizione, hanno espresso voto unanime per il giudice Cantone all’Anticorruzione#lavoltabuona. Bene così”. Questo il commento del premier Matteo su Twitter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaticano, la casta dei politici va a messa da Papa Francesco in auto blu

prev
Articolo Successivo

Renzi: slogan tanti, fatti pochi, coerenza zero

next