Assalto a un furgone portavalori nel Cagliaritano. E bottino milionario per il commando composto da quattro banditi armati di pistole e mitra che ha partecipato all’azione sulla statale Statale 131 (principale arteria sarda), all’altezza di Sanluri, 30 km dal capoluogo sardo.

Secondo quanto si è appreso, i malviventi avrebbero esploso alcuni colpi di arma da fuoco per bloccare il mezzo della società “Vigilanza Sardegna” e minacciare le guardie giurate. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Sanluri. Sul posto sono intervenuti, oltre ai carabinieri anche la polizia con gli agenti della Stradale. Secondo le prime notizie, i banditi avrebbero esploso almeno tre o quattro colpi di arma da fuoco e, dopo aver immobilizzato i vigilantes, hanno aperto con una smerigliatrice la porta del furgone e portato via un bottino ancora da quantificare. I malviventi sono quindi fuggiti a bordo di una Fiat Doblò bianca.

Il gruppo, oltre alle sacche con denaro e assegni, ha portato via anche cinque pistole e un fucile in dotazione ai tre vigilantes. Prima di fuggire, i banditi hanno anche tentato di incendiare il furgone. La strada è stata chiusa, il traffico nella zona è andato in tilt.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sardegna, tagli ai presidi di polizia: la Gallura perde tutto

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco ai mafiosi: “Convertitevi e non fate più il male”

next