L’Italia è sempre più nelle mani della finanza americana. Dopo Intesa Sanpaolo e Telecom, Blackrock rafforza la presa anche su Unicredit, diventando il primo azionista. Il fondo americano è salito lo scorso 7 marzo al 5,24% dell’istituto di Piazza Cordusio, superando il fondo arabo Aabar che si ferma al 5,089 per cento.

Blackrock, che a gennaio 2013 era diventato secondo azionista della banca guidata da Federico Ghizzoni conquistando il 5%, ha un patrimonio in gestione da 4mila miliardi, pari al doppio dell’intero debito pubblico italiano. La partecipazione in Unicredit è solo l’ultimo trofeo italiano del fondo americano, che il 13 febbraio scorso, mentre si consumava la fine del governo di Enrico Letta, ha acquistato il 5% di Intesa Sanpaolo diventando il secondo azionista subito dietro la torinese Compagnia Sanpaolo (9,71 per cento).

Blackrock, tra i protagonisti della finanza più influenti a Wall Street e Washington, ha infatti già scommesso su Ubi (4,9%), Prysmian (5%), Atlantia (5%) e Azimut (5%). Ma, soprattutto, su Telecom Italia, dove si è inserito in coda ai soci della holding Telco, nella quale è presente anche Intesa Sanpaolo oltre a Telefonica, Mediobanca e le Assicurazioni Generali. Proprio l’investimento nel gruppo di telecomunicazioni, pari al 7,79% del capitale, ha fatto a lungo discutere ed è anche oggetto di un approfondimento da parte della Consob.

Il mega-fondo americano, da tempo presente nell’azionariato di Unicredit (che ha chiuso il 2013 con una maxi perdita di 14 miliardi) era uscito dal ‘radar’ Consob con la discesa la scorsa primavera al 4,9%, sotto il 5%, avvalendosi dell’esenzione per la comunicazione delle quote inferiori a quella soglia. Blackrock, che agisce indipendentemente attraverso le divisioni di tutto il mondo e nel caso di Unicredit ha investito con 18 diverse aziende, è una delle più grandi società di investimento nel mondo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banca Etica, finanziamenti per quasi 2 miliardi in 15 anni. Per metà a “inaffidabili”

prev
Articolo Successivo

Il Financial Times boccia il piano del governo Renzi: “Non è la cura per l’Italia”

next