Ha rubato la pistola dalla cintura di un poliziotto, si è rivolto l’arma alla testa e ha sparato. Non è morto ma è in fin di vita il giovane afghano di 21 anni che si trovava negli uffici della Questura di Trieste per chiedere il rinnovo di un permesso di soggiorno, scaduto ieri. Il ragazzo è stato trasportato in condizioni gravissime all’ospedale di Cattinara.

Secondo quanto riferito dalla Questura, il giovane ha aggredito il piantone approfittando del fatto che “questi si trovava sui gradini dell’ingresso della Questura per soccorrere una persona”. L’afghano lo ha spinto alle spalle facendolo cadere e gli ha sottratto l’arma di ordinanza. Subito dopo si è allontanato dirigendosi verso la chiesa della Madonna del Rosario, sparando alcuni colpi in aria. Immediatamente alcuni agenti di polizia lo hanno inseguito e quando stavano per raggiungerlo, il giovane si è sparato alla testa.

”Un dramma della disperazione”. Così il questore di Trieste, Giuseppe Padulano, ha definito la vicenda del giovane afghano. “Un dramma – ha proseguito – che poteva avere ripercussioni ancora peggiori perché in quel momento nell’atrio e nei pressi della Questura c’erano molte persone”. Il questore ha poi lodato gli agenti perché “si sono subito resi conto, con sangue freddo, che non potevano intervenire con le armi da fuoco proprio a causa della folla”.

Un video completo di quanto avvenuto all’esterno della Questura sarebbe stato girato con un telefono cellulare da una persona testimone dei fatti che l’ avrebbe anche caricato su Facebook. Nel filmato sono riprese, secondo un testimone che ha raccontato di averlo visto, anche le scene più cruente. Il filmato avrebbe raccolto tanti “Mi piace” in pochi minuti. Poco dopo, però, è stato rimosso dal social network.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Via d’Amelio, Riina: “Telecomando nel citofono, ad azionarlo fu Borsellino”

prev
Articolo Successivo

Sexy-scandalo in Sudtirol, ecco lo scontrino del vibratore acquistato a spese nostre

next