La Sindrome dell’X-Fragile è la causa più frequente del ritardo mentale ereditario. Colpisce 1 maschio ogni 4000 e 1 femmina ogni 6000, anche se le cifre riportate da altri importanti siti medici, alzano questo rapporto 1:1250 maschi e 1:2000 femmine. Ma quello che preoccupa, sono i numeri dei portatori sani: 1 donna ogni 259 1 uomo ogni 800. Da precisare che un portatore sano non ha alcun sintomo della sindrome, situazione che rende ancora più difficile individuare questi portatori. Unica soluzione è l’esame del DNA. Le nostre Hyena’s Puppies, hanno cercato di approfondire l’argomento. Beatrice ha sentito Gianni del Corral in veste di membro del Direttivo europeo, mentre William ha sentito un importante neurologo come il Prof. Giorgio Albertini. Gaia interviene direttamente da New York, dove ha sentito parlare di una ricerca interrotta, non solo per questioni economiche, ma anche d’interesse. I Cuccioli hanno provato anche a sentire il Ministro Beatrice Lorenzin, ma senza ottenere per il momento alcuna risposta. Gli Hyena Puppies nascono da un’idea del regista Gianni del Corral. Il progetto è sviluppato in collaborazione con l’Associazione Baby-Xitter di Torino, primo servizio in Italia di baby-sitteraggio specialistico per minori diversamente abili Torino (www.baby-xitter.org). Credits: regia Gianni del Corral; prodotto da Associazione Baby-Xitter in collaborazione con L’Emotion Film

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Viaggio a Pompei, fra lavori mai finiti, staccionate crollate e rifiuti

prev
Articolo Successivo

Valle D’Aosta, bimba di tre anni muore sulla pista travolta da sciatore

next