Ci sono le firme della sinistra italiana, dai giornalisti del Manifesto a intellettuali protagonisti del dibattito italiano (Giuliana Sgrena, Loredana Lipperini, Barbara Spinelli, Curzio Maltese, Lorella Zanardo e Adriano Prosperi). Ci sono quasi tutti i leader che hanno animato la protesta del G8 di Genova nel 2001 (Riccardo Petrella, Tommaso Fattori, Luca Casarini e altri). Ci sono i nomi del mondo dell’arte (Ivano Marescotti e Moni Ovadia). La lista che sostiene Alexis Tsipras è stata presentata alla stampa questa mattina e si presenta con molti nomi conosciuti nel panorama italiano. Il simbolo è un cerchio rosso con una scritta bianca e lo slogan: “L’altra Europa“.

Non c’è, come già specificato nei giorni scorsi, lo scrittore Andrea Camilleri. Molto nutrita invece la pattuglia dei leader del movimento no global che è sceso in piazza al G8 di Genova. Oltre all’allora guida dei disobbedienti Luca Casarini, ci sono anche l’ispiratore della rete Lilliput Francuccio Gesualdi, il pioniere dell’acqua pubblica Riccardo Petrella, la rappresentante dell’Arci al Genoa Social Forum Raffaella Bolini e Tommaso Fattori già nel Social forum di Firenze. Arriva da Bologna la candidatura di Isabella Cirelli, presidente del comitato articolo 33 che un anno fa ha ottenuto la vittoria del referendum per la scuola pubblica. Tra le penne del Manifesto, compaiono i giornalisti Alfredo Somoza e Giuliana Sgrena, inviata rapita in Iraq nel 2005. Candidato anche lo scrittore irpino Franco Arminio mentre tra le intellettuali particolarmente sensibili alla condizione femminile compaiono Lorella Zanardo, autrice del documentario “Il corpo delle donne” e la giornalista e scrittrice Loredana Lipperini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Renzi: “In una settimana piano casa e Job Act. Pronti 2 miliardi per scuole”

prev
Articolo Successivo

La vignetta del giorno: Renzi cambiaverso

next