È stata avanzata richiesta di rinvio a giudizio nei miei confronti e nei confronti dei colleghi Andrea Succi e Carmine Gazzanni. L’accusa – che il gup ha ritenuto fondata fissando l’udienza preliminare – reputa diffamatorio un articolo di Gazzanni sulla scuola elementare di Fossalto (Cb). Per adeguare l’edificio alla normativa antisismica arrivarono fondi pubblici, spesi per opere rendicontate. All’epoca Succi era direttore editoriale e io avevo la responsabilità giuridica della testata web L’Infiltrato, che pubblicò documenti del caso e un video sulle attuali condizioni della struttura, girato durante un’ispezione dell’allora deputato Antonio Di Pietro.

Nei giorni scorsi, invece, la Procura di Campobasso – che avviò le indagini anche dai servizi del giornale – ha richiesto il rinvio a giudizio di amministratori, tecnici e imprenditore che si occuparono dei lavori. Secondo quanto reso noto, il pm di Campobasso è convinto che gli indagati abbiano commesso truffa aggravata e causato pericolo di disastro colposo. La scuola è sotto sequestro probatorio e i bambini fanno lezione in un altro stabile. Delle due l’una: o ha ragione l’apparato della giustizia di Isernia o quello di Campobasso. Naturalmente, resta la massima fiducia nell’azione dei magistrati tutti, senza polemiche e speculazioni.

Questa storia – e di là dal suo specifico – mi ha portato a una nota riflessione di Paolo Borsellino riguardo ai politici, che può estendersi per l’etica dell’intero ambito pubblico, indipendentemente dagli aspetti penali. Un magistrato in trincea contro la ‘ndrangheta ammonì: “Alle nuove generazioni non si può chiedere un impegno antimafia o civile, se le istituzioni dello Stato non danno buoni esempi”. Quali sono i modelli che la politica, la giustizia e l’amministrazione pubblica forniscono a noi cittadini?

Ai tempi di Mani pulite il professor Federico Stella denunciò con Marco Travaglio la corruzione nelle istituzioni e la crescente perdita della coscienza individuale e collettiva. Il discorso sulla coscienza è oggi molto più difficile. Primo perché non ha una traduzione economica; secondo perché il comportamento moralmente scrupoloso non appare conveniente, specie nelle regioni del Sud sofferente.

Compito del giornalista è raccontare i fatti secondo coscienza, perché emerga la verità, di modo che il politico, il giudice o il funzionario della p.a. rimedino ad azioni contrarie al bene pubblico. Torno alla scuola elementare di Fossalto. In rispettosa attesa dei giudizi del Tribunale di Isernia e del Tribunale di Campobasso, i fatti sono chiari. Il giudizio penale spetta ai magistrati, il giudizio morale è dei cittadini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Grande Fratello 13 et similia: altro che reality, viva la fiction!

next
Articolo Successivo

Il Corriere della Sera crescerà nel digitale. Dopo i tagli agli specialisti che ha in casa

next