Come andare in apnea. Prendere una grossa boccata d’ossigeno e poi andar giù negli abissi della città di Milano fino alla banchina della metropolitana. Pochi metri di profondità e si trova l’aria più inquinata d’Italia. I numeri sono impressionanti e sono stati certificati dall’Arpa Lombardia in uno studio pubblicato 1 anno fa (complimenti ai ricercatori dell’Arpa per l’accuratezza dei risultati e la vasta campionatura adottata).

Ecco i risultati. Nel periodo 23 marzo – 2 aprile la media del pm10 rilevata in superficie (centralina Verziere) è stata di 38 microgrammi per metro cubo, nelle banchine delle fermate Piola 187, Cadorna 105, Duomo (linea rossa) 182, Porta Venezia 108, Duomo (linea gialla) 264, Crocetta 283. Proprio quest’ultima è la stazione dove si trovano gli accumuli più alti con punte di 327 microgrammi, 10 volte in più dell’esterno. Ruote, freni e binari contribuiscono a produrre fino al 73% del pm10 accumulato. All’esterno il vento e la pioggia disperdono gli inquinanti, nell’ambiente chiuso delle metropolitane no.

Il dossier riposa impolverato su un tavolo del Comune di Milano. Abbiamo chiesto all’Assessorato ai Trasporti e alla Mobilità quale politica abbia messo in campo, ma non è arrivata nessuna risposta. Tutto tace. Vorremmo capire le ragioni di questa inazione. Con Area c, piste ciclabili, domeniche a spasso, bike e car sharing, il Comune ha preso incisive scelte di mobilità sostenibile, si sottovaluta invece il cosiddetto inquinamento indoor? I pendolari che rinunciano all’auto, e dunque non inquinano, sono per assurdo i più esposti a questi livelli record di smog. Questa contraddizione va sanata. I pendolari vanno tutelati, anche nell’aria che respirano.

Una soluzione c’è. Molti occidentali che lavorano a Pechino, una delle città più inquinate al mondo, hanno installato nei loro appartamenti depuratori che ripuliscono l’aria dalle sostanze inquinanti. Si tratta di macchine mangia smog che aspirano l’aria inquinata e la trasformano in pulita. Questa tecnologia si chiama APA (air pollution abatement) e l’ha brevettata una azienda italiana “Is TECH” che è arrivata prima nella categoria “Start up” al concorso “Premio Sviluppo Sostenibile 2013”. In pratica l’aria viene risucchiata dall’impianto che la lava con getti d’acqua all’interno. L’acqua sporca, mista a polveri sottili, viene rimossa e gettata nel depuratore municipale. Gli impianti possono essere alimentati con energia prodotta da fonti rinnovabili e abbattono fino all’80% tutte le polveri sottili.

Per ripulire dallo smog una stazione metropolitana servirebbero 2 impianti, uno in coda e l’altro in testa alla banchina. A Milano ci sono 101 stazioni, ma l’intervento andrebbe ipotizzato per le sole 83 sotterranee. Calcolatrice alla mano, l’investimento complessivo sarebbe inferiore ai 2 milioni di euro. Il Comune e ATM non hanno i soldi? Bene, li invitiamo a partecipare a questo bando europeo appena pubblicato che finanzia interventi che riducono lo smog nelle nostre città. L’obiettivo dichiarato è quello di evitare 58mila decessi prematuri e abbattere i costi sanitari derivanti dalle malattie causate all’inquinamento. Ecco l’Unione Europea che ci piace.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ecuador, accordo segreto con banca cinese per estrarre petrolio in Amazzonia

prev
Articolo Successivo

Delitti ambientali: in Parlamento l’inganno arriva prima della legge

next