Bad bank? E’ un business interessante”. Parola di Alberto Nagel, amministratore delegato di Mediobanca. “Stiamo lavorando all’ipotesi di un veicolo per i crediti deteriorati del sistema bancario che rappresenti una buona opportunità per le banche che vogliono deconsolidare” i crediti problematici “a prezzi realistici”, spiega il manager alzando un velo sul progetto per sgravare le piccole banche del sistema dai crediti difficili che circolava sa qualche settimana.

“Dobbiamo vedere se questo progetto è perseguibile tecnicamente ed entro un paio di mesi avremo indicazioni più precise”, ha aggiunto, sottolineando che “l’importante è che non ci siano relazioni incrociate tra venditori e compratori e che soprattutto si recuperi tutto quanto è possibile”.

Intanto un grosso contributo ai profitti di Mediobanca è arrivato sicuramente dalla vendita di un miliardo di titoli di Stato nel secondo trimestre (scendendo da 7,7 a 6,7 miliardi). La banca guidata da Nagel ha chiuso il primo semestre dell’esercizio 2013-2014 con un utile di 304,7 milioni, rispetto ai 123,8 milioni del 2012. Il secondo trimestre si è invece chiuso con un utile di 133,5 milioni, in calo rispetto ai 171,2 del primo trimestre 2013-2014. Su questi risultati pesano in maniera determinante gli utili dalle cessioni delle partecipazioni che sono state pari a 512 milioni, e che nel primo trimestre avevano portato un utile di 79,9 milioni e nel secondo 72,6 milioni per un totale di 152,5 milioni nel semestre, quindi la metà dell’utile netto.

La banca ha intanto rimborsato 500 milioni dei fondi Ltro (rifinanziamento a lungo termine) avuti dalla Banca centrale europea. Ma si tratta di un contributo minimo rispetto ai 7 miliardi che l’istituto deve ancora rimborsare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Renzi, l’economista Roubini avverte: “Ultima spiaggia per l’Italia”

next
Articolo Successivo

Rc Auto, l’Antitrust prepara una multa per l’eccessiva concentrazione di Unipol sul segmento

next