Il Parlamento europeo accusa “Eurogruppo, Bce e Fmi” che hanno “violato leggi e trattati” e provocato negli ultimi quattro anni “una catastrofe sociale e politica” senza precedenti in Europa nella gestione della crisi. Lo dice il rapporto dell’istituzione sull’attività della troika, approvato oggi a larghissima maggioranza (27 sì, 7 no dei conservatori e di qualche liberale, 2 no della Sinistra Unita) dalla Commissione Lavoro e affari sociali.

“Hanno lavorato come macellai, non come chirurghi” ha detto il relatore, il socialista spagnolo Alejandro Cercas. Presentando il testo (che sarà portato al voto in plenaria a marzo) ha proposto di “triplicare i fondi per la Garanzia giovani, da 6 a 18 miliardi”, definendo “urgentissimo” un piano per il lavoro che sia finanziato “con lo 0,5% del Pil, quando per il salvataggio delle banche è stato usato il 7%”. I programmi imposti a Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro, ha sottolineato Cercas, hanno prodotto uno “spettacolare aumento della disoccupazione, triplicata in quattro anni”, hanno “distrutto il dialogo sociale” e “violato il diritto alla salute”.

Inoltre il taglio dei salari ha decimato le Pmi “distrutte” dalla contrazione della domanda interna. Ed il conseguente crollo del Pil ha “reso i poveri ancora più poveri”. Il tutto senza alcun vero controllo da parte delle istituzioni europee. “Si dà la colpa all’Europa – dice Cercas – ma l’Europa è mancata”. “Non c’è alcuna ragionevole relazione, né alcun misurabile effetto economico, tra l’ampiezza, l’intensità e la durata” delle misure di austerità richieste, è scritto nel rapporto. “Hanno sbagliato misure e tempi di applicazione” afferma Cercas, osservando che ora “impressiona la collera sociale di gran parte della società in Europa”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alexis Tsipras: fate largo allo scompaginatore euromediterraneo

next
Articolo Successivo

Immigrazione, le conseguenze del referendum per la Svizzera

next