Il direttore del quotidiano francese Libération, Nicolas Demorand, ha annunciato stamattina le sue dimissioni dalla carica. I redattori del quotidiano, da tempo in grave crisi, avevano chiesto all’unanimità venerdì scorso, in assemblea, le dimissioni di Demorand e del condirettore, Philippe Nicolas, respingendo inoltre il piano editoriale di rilancio della testata. Gli editori vorrebbero trasformare il foglio della gauche, ridotto a vendere poche decine di migliaia di copie, in un “social network”, e la sua sede in uno “spazio culturale”. “La mia decisione – ha annunciato Demorand sul sito internet di Le Monde – è dettata innanzitutto dalla situazione di questi ultimi giorni. Libération vive ormai una crisi aperta, su di me si cristallizza parte del dibattito e ritengo sia mia responsabilità di direttore restituire margini di manovra e di negoziato alle parti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Letta e gli hashtag reali

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, nuova puntata “All-in”: ospiti Moretti, Friedman e Minzolini

next