Per chi, come me, ha vissuto l’adolescenza negli anni Novanta, Willy il Principe di Bel Air è più di una semplice sitcom americana. È un manifesto generazionale, è l’arrivo dell’hip hop nel mercato di massa, è l’inizio degli anni Novanta dopo l’abbuffata degli Ottanta reaganiani. In fondo, Willy è clintonismo prima di Clinton, è l’America che torna a prendersi cura di se stessa, magari con una certa dose di buonismo politically correct, ma con ritrovata voglia di prendersi un po’ in giro, dopo aver vinto la Guerra Fredda.

E rivedere la prima puntata ieri sera su Super!, il canale di De Agostini sul digitale terrestre, è stato davvero emozionante. Ti ritrovi a ripetere le battute a memoria, a gustarti particolari che vent’anni fa, ovviamente, ti erano sfuggiti, e soprattutto ti godi un Will Smith grezzo ma genuino, non ancora trasformatosi nell’attore preferito di Gabriele Muccino. Che è tutto dire.

L’operazione nostalgia di Super! è destinata ad avere successo per una serie di motivi: innanzitutto, la qualità televisiva dei giorni nostri è quella che è, e paradossalmente un ritorno al passato sembra una ventata di aria nuova, e poi, diciamocelo, questo Terzo Millennio, arrivato in pompa magna tra promesse di ricchezza globale e fine delle ideologie, ci ha deluso un bel po’.

Indossiamo la nostra peggiore camicia larga anni Novanta (tutti ne abbiamo una, non barate!) e rituffiamoci nella piscina di zio Phil a Bel Air. Per come vanno le cose adesso, tanto…

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieci anni di Facebook, il lato ‘social’ delle news

next
Articolo Successivo

M5S, la Programmazione Neuro Linguistica non manipola le menti

next