“In nome del popolo sovrano fermatevi. L’Italicum è incostituzionale e rischia di essere bocciato nuovamente dalla Consulta – afferma il giurista Gaetano Azzariti – e tutto ciò sarebbe devastante per il Paese”. E’ questo l’appello lanciato con forza ieri all’Angelo mai di Terme di Caracalla a Roma. Tante le associazioni politiche e non che aderiscono al comitato promotore: dai giuristi italiani fino a Rifondazione Comunista. “Vogliamo avviare un percorso di resistenza contro questo porcellum mascherato”, afferma Paolo Andreozzi tra i promotori dell’iniziativa. Il comitato si affianca alla lotta avviata da grandi costituzionalisti come Stefano Rodotà contro l’Italicum di Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. “Questa legge prevede un premio di maggioranza che regala seggi ad una forza rappresentativa di un solo terzo degli elettori, prevede soglie di sbarramento troppo alte e le liste bloccate: in pratica ignorano del tutto la sentenza della Corte Costituzionale o non l’hanno nemmeno letta”, attacca Pietro Adami, avvocato dell’associazione Giuristi democratici. “I giornali, tranne poche eccezioni, cercano di celare i mal di pancia e soffocare l’opposizione, condizionando l’opinione pubblica, invece c’è chi dice no e gli italiani devono saperlo”, aggiunge ancora Andreozzi. “Renzi sbaglia, questa legge lede principi costituzionali che nessuna maggioranza può calpestare – è l’appello di Azzariti rivolto alla politica – invito i parlamentari ad esprimere un dissenso che secondo me c’è, ma è celato all’interno del Parlamento, e a votare senza vincolo di mandato, senza piegarsi alla disciplina di partito, per il bene del paese” di Irene Buscemi

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cari M5S, non potete fare errori

next
Articolo Successivo

M5s, su Facebook foto del rogo di un libro di Augias. Lui: “Gesto che inquieta”

next