Centinaia di persone hanno partecipato all’evento “Caro Paolo…” organizzato ieri dalle Agende Rosse di Torino. Serata in ricordo del magistrato Paolo Borsellino ucciso nel ’92 nella strage di via D’Amelio a Palermo. Alla tavola rotonda non hanno potuto partecipare Roberto Scarpinato, Procuratore Generale della Repubblica di Palermo, e Nino Di Matteo, il pm che sta portando avanti il processo sulla trattativa Stato-Mafia. Le minacce ricevute da Di Matteo hanno reso impossibile la loro presenza in sala. “Riina – spiega Marco Travaglio, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano – ha minacciato di morte Di Matteo sapendo di essere intercettato. Queste non sono minacce, ma una condanna a morte. La costituzione – ha concluso Travaglio – è stata violata per vent’anni mentre il papello di Riina è stato rispettato punto per punto”. Sul palco anche Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso in via d’Amelio, e Sonia Alfano, Presidente della Commissione Antimafia Europea. Durissimi i loro interventi contro il Presidente Napolitano “colpevole – spiega Alfano – di aver fatto distruggere le intercettazioni con Mancino. Chi ha sbagliato deve pagare, anche fosse l’ex ministro Mancino”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stamina, gli indagati salgono a 20. Procura di Torino verso la chiusura delle indagini

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta e politica in Piemonte: “Amministratori scelti perché criminali”

next