“L’esercito in Terra dei Fuochi? E’ un supporto alle forze dell’ordine, non è sostitutivo, può dare una mano in una fase di difficoltà”. Andrea Orlando, ministro all’Ambiente, difende il decreto del Governo sulla cosiddetta Terra dei Fuochi nel corso di un convegno a Napoli al quale hanno partecipato anche rappresentanti dei comitati campani, in gran parte scettici rispetto al provvedimento governativo. “L’esercito – ha proseguito Orlando – resterà lo stretto necessario per bloccare il fenomeno dei roghi, e intanto useremo quel tempo per dare una risposta strutturale sul fronte del coordinamento delle forze dell’ordine, del contrasto al nero, dell’utilizzo dei vigili de fuoco e della forestale”. Nel corso del suo intervento Orlando ha anche sottolineato come “questo decreto raggiunge tre obiettivi: per la prima volta si dice cos’è un terreno contaminato, per la prima volta avremo dei parametri per dire quando l’acqua è contaminata e per la prima volta si prevede che le confische dei proventi realizzati attraverso ecoreati siano destinati alle bonifiche”. Quanto alle istanze della popolazione locale, il ministro ha assicurato che incontrerà i rappresentanti dei Comuni interessati e le comunità per discutere sia del decreto Terra dei Fuochi sia della questione dello smaltimento delle ecoballe  di Andrea Postiglione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, in costruzione la discarica più grande d’Europa. “No all’ecomostro”

next
Articolo Successivo

Rifiuti, il termovalorizzatore di Torino tra guasti e anomalie. La Procura indaga

next