Il Tar ha accolto il ricorso presentato da Mercedes Bresso: le elezioni regionali in Piemonte del 2010 sono state annullate per via dell’accertata “falsità delle 17 autenticazioni di firma della lista ‘Pensionati per Cota’”, presentata da Michele Giovine. Per la falsificazione delle firme, Giovine è stato condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere e in consiglio regionale è stato sostituito da Sara Franchino, prima tra i non eletti. Il servizio di Giulia Innocenzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Salvini: “Repubblica sta travalicando l’incredibile”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Salvini: “La Kyenge fisicamente non mi piace, ma non sono razzista”

next