Non potranno dare la colpa alla crisi, i cinque giovani finiti nei guai nel in provincia di Piacenza dopo aver letteralmente assaltato un istituto scolastico per rubare i soldi contenuti nella cassaforte. Non provengono, infatti da famiglie disagiate i tre arrestati, così come i due complici e un sesto la cui posizione è ancora al vaglio delle forze dell’ordine, che questa notte sono stati bloccati dai carabinieri. I militari, dopo essere stati chiamati da un agente dell’Ivri, a loro volta allertati dal sistema di allarme della scuola, sono intervenuti all’istituto scolastico Mattei di Fiorenzuola (Piacenza) e hanno circondato la scuola. Una volta all’interno hanno notato la porta forzata della dirigenza amministrativa, dove all’interno è contenuta una cassaforte. A terra arnesi da scasso insieme alla chiave della stessa cassaforte. In un primo momento, dei ladri all’interno dello stabile, nessuna traccia.

Ma non hanno desistito e, grazie alle tracce di fango lasciate dai malviventi, si sono diretti verso il lucernario che permette l’accesso al terrazzo. Essendo rischiosa la salita, è stato chiesto l’intervento dei vigili del fuoco con la scala mobile. Dopo aver visto che tutte le vie di fuga erano controllate dalle tre pattuglie dei carabinieri giunte sul posto, i ladri si sono costituiti. Si tratta di un albanese di 20 anni che frequenta il Mattei e due italiani, un ex studente di 18 anni, pregiudicato e ora operaio e un altro 18enne iscritto all’Istituto. Dovranno rispondere delle accuse di tentato furto aggravato e porto di oggetti da scasso. I complici, che si erano dati alla fuga all’arrivo delle forze dell’ordine e sono stati rintracciati grazie alle chiamate effettuate nella notte dai cellulari, sono un 20enne del Burkina Faso, ex studente del Mattei e un 18enne italiano, quest’ultimo studente di una scuola di Piacenza. Per loro è scattata la denuncia con le stesse accuse. Risiedono tutti a Pontenure, paese tra Piacenza e Fiorenzuola sulla via Emilia.

I giovani non si possono definire sprovveduti. Anzi, erano attrezzati di tutto punto e da veri “professionisti” per tentare il colpo. Hanno agito con il volto travisato da passamontagna ed erano muniti di molta attrezzatura, come cutter, scarpe da ginnastica, prolunghe, un piede di porco e un flessibile. Per questo i militari credono che sia possibile che abbiano commesso altri furti e continuano gli accertamenti su altri episodi andati a segno nella zona. Una volta in caserma, sembra che i giovani si siano dimostrati pentiti e, una volta arrivati i genitori, sono rimasti scossi per quanto compiuto dai loro figli. Ancora da chiarire le cause che li hanno spinti a un’azione del genere visto che, pur essendo un gruppo conosciuto a Pontenure per alcune bravate, non provenivano da famiglie disagiate e nella cassaforte della scuola non erano contenuti più di 2mila euro. Il processo per direttissima è previsto per sabato 18 gennaio in tribunale a Piacenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, gli strani rimborsi dei nonni volontari. E Pizzarotti fa piazza pulita

prev
Articolo Successivo

Si aggrava il dissesto in Emilia-Romagna, il rischio frane vale un miliardo di euro

next