Lei lo ha sempre sostenuto: il Sud Tirolo, cioè l’Alto Adige, non è Italia. Ogni anno Eva Klotz del Süd-Tiroler Freiheit con i suoi sostenitori manifesta al confine del Brennero il desiderio di staccarsi dall’Italia e ricongiungersi “all’amato” Tirolo e, quindi, all’Austria. Un sentimento diffuso, secondo lei, fra i sudtirolesi di lingua tedesca. E per dimostrarlo ha avviato una consultazione referendaria per vedere quanti sono d’accordo nel chiedere il distacco dell’Alto Adige dall’Italia. E i risultati hanno portato qualche imprevista sorpresa.

Innanzitutto il numero molto alto di adesioni: in 61mila hanno risposto al referendum, di cui il 92 per cento hanno dichiarato di essere favorevoli all’autodeterminazione. Non potevano esserci fraintendimenti sul quesito referendario, si chiedeva se si era d’accordo sull’autodeterminazione del Sudtirolo e si aveva la possibilità di votare “sì” oppure “no”. La consultazione sarà stata a carattere casalingo e informale ma ha pur sempre, visti i risultati, un valore politico non trascurabile. Per Klotz è stato, dunque, un successo, poiché hanno “votato” alla consultazione un numero quasi triplo rispetto ai loro elettori.

Non tutti, però, si possono definire nostalgici. Anzi, molti i giovani che hanno risposto di voler andare con l’Austria e anche parecchi italiani, ormai stufi della politica romana, dicono gli organizzatori. Non tutti, infatti, sono simpatizzanti della Klotz e del suo partito. Intanto Arno Kompatscher, nuovo governatore dell’Alto Adige, ha smentito ogni velleità secessionista. “Il tema non è all’ordine del giorno”, ha dichiarato. Se la Klotz e quasi 60mila sudtirolesi sognano “un Sudtirolo completamente libero dall’Italia”, dovranno aspettare ancora a lungo. 

La consultazione era stata indetta in piena campagna elettorale con lo scopo anche di raccogliere consensi attorno al suo partito. Per organizzarla si era provveduto a una massiccia spedizione postale di cartoline a tutti gli elettori della provincia, circa 400mila, che potevano rispondere al quesito indipendentista anche via web. La mossa elettorale ha pagato. Infatti alle elezioni regionali dell’ottobre scorso in Alto Adige il partito di Eva Klotz, è stato premiato, passando da due a tre consiglieri regionali, dal 4,9 al 7,2 per cento e da 14.888 voti a 20.736.

Un successo che ha contraddistinto tutta la destra tedesca altoatesina, benché la Svp, Südtiroler Volkspartei, il Partito Popolare Sudtirolese, non sia uscita con le ossa rotte e abbia perso solo un consigliere, passando da 18 a 17. Anche nel nome del partito della Klotz, i Süd-Tiroler Freiheit-Freies Bündnis für Tirol, si ritrova lo spirito secessionista. Il significato è, infatti, Libertà Sud Tirolese-Libera alleanza per il Tirolo. Ed Eva Klotz la secessione ce l’ha nel sangue. È la figlia, di Georg Klotz, soprannominato “il martellatore della Val Passiria” per la sua attività di dinamitardo a favore del secessione. La Klotz e il suo partito non fanno mistero che l’indipendenza arriverà presto, forse prima della fine del decennio, quando il Sud Tirolo “sarà riunito alla madrepatria austriaca”. La consultazione referendaria è, quindi, una tappa verso il cammino della separazione. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, Renzi vede Napolitano. Gli esperti: “Fare presto e no preferenze”

prev
Articolo Successivo

Porcellum, la Consulta: “Distorce il voto”. Ma la Corte apre a liste bloccate “corte”

next