E’ stato interrogato fino alle due di notte in caserma Maurizio Allione, il figlio di Claudio Allione e Maria Angela Greggio, trovati uccisi a coltellate domenica 5 gennaio insieme alla nonna materna 94enne, Emilia Campo dall’Orto nella loro villetta a Caselle Torinese. I corpi delle tre persone, una coppia – lui 65 e lei 64 anni – e di una anziana di 93 anni (madre di uno dei due) sono stati ritrovati senza vita ieri in un appartamento del comune della provincia di Torino.

Allione è stato sentito dagli investigatori insieme alla sua fidanzata e ad altre persone. Era stato proprio il figlio di due degli anziani uccisi ieri mattina a dare l’allarme e a chiamare i militari dopo aver fatto la tragica scoperta. I genitori non rispondevano al telefono e così ha chiesto a un vicino di andare a controllare. I carabinieri hanno anche trovato i due cani della coppia, due pastori tedeschi, chiusi in un sottoscala. A occuparsi del caso i carabinieri di Torino. Per le 14 è previsto anche l’arrivo di esperti del Ris di Parma per risolvere il giallo della strage avvenuta nella cittadina alle porte di Torino.

In giornata, i Ris di Parma saranno sul posto. Si cerca di ricostruire la dinamica del triplice omicidio e capire, in particolare, per quale motivo nell’edificio non siano state trovate tracce di sangue. Gli investigatori sono al lavoro per verificare l’alibi del figlio, il quale ha riferito che si trovava in Val D’Aosta al momento della strage.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi dona 50mila euro a una coppia di disoccupati. “Babbo Natale esiste”

prev
Articolo Successivo

Parlamentari, imprenditori, boss e prelati nell’archivio segreto del commercialista

next