Quando si parla di startup il pensiero vola immediatamente ai garage della Silicon Valley, a Steve Jobs e Bill Gates, alle grandi storie imprenditoriali americane. Tuttavia anche in Italia c’è chi, nonostante le difficoltà, prova a far crescere il proprio sogno, a volte confrontandosi in maniera vincente con mostri sacri all’apparenza inarrivabili.

È questo il caso di Mangatar, che grazie a Microsoft ha avuto la possibilità di realizzare il suo progetto, Dengen Chronicles, un gioco di carte online pensato per il fiorente mercato dei browser game, ovvero tutti quei titoli che, spesso, troviamo nelle nostre bacheche di Facebook.

Dengen Chronicles è un prodotto molto particolare, dotato di una certa originalità e di varie caratteristiche interessanti. La prima, quella più evidente, riguarda l’aspetto visivo. Mangatar ha scelto infatti di rifarsi ai fumetti e cartoni animati giapponesi creando personaggi e ambientazioni che strizzano l’occhio alla cultura nipponica, ispirandosi alle opere che hanno accompagnato ormai tre generazioni di bambini e ragazzi. Un altro aspetto interessante del gioco è la possibilità di personalizzare le carte che andranno a costituire il mazzo con cui sfidare altri giocatori; le carte predefinite sono presenti in numero limitato in quanto la maggior parte dovrà essere creata dal giocatore, una caratteristica atipica per i giochi di carte online che si rifà più ai giochi di ruolo classici e apre a interessanti possibilità per il giocatore senza limitarlo al mero collezionismo delle carte pensate dagli sviluppatori. Con le prossime versioni (il titolo è ancora in una fase di sviluppo attivo) arriverà anche la modalità storia, con cui sarà possibile intraprendere un’avventura dotata di bivi narrativi, scelte da ponderare e nuove carte altrimenti non disponibili.  

Con il procedere della produzione, poi, Mangatar ha intenzione di portare il titolo anche su piattaforme mobile, ed è qui che entra in gioco Microsoft. Il colosso di Redmond, infatti, ha intravisto delle potenzialità in Dengen e, dunque, ha finanziato la conversione del gioco per piattaforma Windows Phone. Non si tratta comunque di un mero supporto finanziario: grazie alle competenze della multinazionale, infatti, Mangatar ha potuto rendere più efficiente i suoi processi, lavorando sul marketing e sulla pianificazione interna, senza contare l’enorme competenza tecnica che gli ingegneri di Microsoft hanno messo a disposizione del giovanissimo team italiano.

Mangatar, insomma, rappresenta una storia di successo per il settore videoludico made in Italy e, nei prossimi mesi, vedremo se Dengen Chronicles, dopo aver ottenuto i favori di Microsoft, riuscirà a soddisfare anche un pubblico sempre più esigente come quello dei giocatori su PC.

A cura di Giacomo Quadrio

BadGames.it – il Nuovo Gusto dei Videogiochi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Instragram, tutti fotografi ma disattenti. “Si dimentica quello che si vede”

prev
Articolo Successivo

Class action contro Facebook: “Spia i messaggi privati per vendere pubblicità”

next