“Vi faccio vedere come si vive con le mie malattie. E, dopo gli oltre 30 auguri di morte e oltre 500 offese, chiedo che il Partito animalista europeo, la Lega antivivisezione (Lav) e l’ex ministro Michela Vittoria Brambilla si dissocino da tali auguri”. Questa la risposta video che Caterina Simonsen, studentessa di Veterinaria all’Università di Bologna di 25 anni, colpita da 4 malattie generiche rare, ha postato su  Facebook dopo aver fatto scatenare la rabbia di alcuni animalisti in rete. La storia è nota. Negli scorsi giorni la ragazza ha pubblicato, sempre sul social network, una foto che la ritrae con un respiratore che le copre la bocca e in mano un cartello a favore della ricerca scientifica sugli animali:  “Se sono ancora in vita è grazie alla vera ricerca, che include la sperimentazione animale, altrimenti sarei morta a 9 anni”. Ora Caterina nel video sottolinea: “Io metto a nudo la mia realtà, perché voi capiate che l’unica mia colpa in tutto ciò sia stata curarmi senza uccidere nessuno direttamente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livingstonair, sul volo non c’è più posto. Per far scendere i passeggeri serve la polizia

next
Articolo Successivo

Fascismo, settant’anni fa morivano i sette fratelli Cervi

next