Il cda della Fondazione Carige si è riunito oggi per discutere ancora una volta come risolvere impellenti problemi di liquidità. Non sono state prese decisioni operative, neppure riguardo alla scelta di un advisor che deve dare “assistenza tecnica” ai consiglieri per decidere le prossime operazioni. Una nuova riunione è in programma entro l’anno.

In particolare il consiglio di amministrazione dell’ente ligure deve stabilire al più presto come reperire risorse necessarie a erogare i contributi al territorio, a liquidare le spese di gestione e a mettere da parte riserve per saldare una rata del prestito con Mediobanca in scadenza a giugno. L’ipotesi più probabile è la vendita di azioni ma bisogna decidere quali in un portafoglio composto da titoli Banca Carige e Cassa depositi e Prestiti.

Il ministero dell’Economia e delle finanze ha già suggerito di non vendere le Cdp. “Abbiamo bisogno di riunirci con frequenza in questa fase – ha spiegato il presidente Paolo Momigliano – anche per conoscerci meglio essendo quasi tutti nuovi. Stiamo definendo meglio i ruoli e stiamo già affrontando i problemi più urgenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Corte Conti boccia Fondo competitività: 663 milioni a disposizione, usato 3%

prev
Articolo Successivo

Unicredit inizia a disfarsi dei crediti a rischio e ne vende un po’ agli americani di Cerberus

next