Edizione di dicembre 2013 del tg di Medici Senza Frontiere, l’organizzazione umanitaria dedicata ai teatri operativi e alle aree di crisi del Sud del Mondo. Nella Repubblica Centrafricana la popolazione della parte nord occidentale del Paese è stata costretta a fuggire due volte in altrettanti mesi a causa degli scontri armati nella provincia di Bouca. Dopo il ciclone che ha colpito le Filippine, continua l’impegno di Msf che a novembre aveva installato un ospedale gonfiabile per soccorrere le vittime del tifone Haiyan/Yolanda. Sul fronte della lotta all’Aids, il lavoro dell’organizzazione in Malawi ha dimostrato che è possibile trattare migliaia di pazienti anche nelle zone rurali. E ancora, in Giordania, dove i rifugiati siriani hanno raggiunto quota 540mila, i servizi sanitari faticano a raggiungere chi ormai cerca una sistemazione alternativa agli enormi campi di raccolta. Intanto a Gaza gli abitanti continuano sempre più spesso a rimanere senza elettricità. Una conseguenza del blocco israeliano ed egiziano. Come non bastasse, i generatori e le bombole a gas utilizzate come ripiego causano numerosi, gravi incidenti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quando penso a un migrante…vedo la voglia di fare (di Malika Ayane)

prev
Articolo Successivo

Cuccioli di iena, la denuncia: “Lo Stato viola la legge sulle ore di sostegno”

next