In pochi erano ancora convinti che la Tobin tax avrebbe portato a un giro di vite sull’attività degli speculatori in Borsa e a un arricchimento consistente delle casse pubbliche. Ma ora è arrivata la conferma. “Mancano circa 800 milioni sul 2013 di gettito della Tobin tax”, ha dichiarato lo stesso esecutivo in commissione Bilancio alla Camera dove è in discussione una revisione della tassa sulle transazioni finanziarie. Dal primo marzo scorso, quando è entrata in vigore, al 31 dicembre 2013, “il governo aveva stimato l’effetto in circa 1 miliardo e invece sono entrati meno di 200 milioni”, ha precisato Luigi Bobba (Pd), primo firmatario dell’emendamento alla legge di Stabilità che, alla luce del flop, punta a rivedere il meccanismo dell’imposta “abbattendo l’aliquota e allargando la platea”.

Il buco da 800 milioni, d’altronde, era prevedibile. La tassa, così come è stata formulata inizialmente, di fatto esenta il 98% delle 12mila miliardi di transazioni  finanziarie che ogni anno avvengono in Italia. L’emendamento, se fosse accolto, tasserebbe anche le singole operazioni realizzate nella sessione di mercato, in modo da colpire i comportamenti speculativi. Attualmente, invece, la Tobin tax non è pagata da day trader, market makers, venditori e acquirenti di obbligazioni e da chi specula su credit default swap. A pagarla sono soltanto coloro che hanno acquistato azioni per tenerle in portafoglio per un periodo medio lungo, ovvero coloro che agitano meno il mercato per la fretta di guadagnare.

Con l’emendamento alla legge di Stabilità, i sostenitori della proposta puntano a rendere più incisivo il provvedimento. “L’idea è quella di pagare meno ma pagare tutti – spiega Bobba – abbassiamo radicalmente le aliquote (che andranno dallo 0,01 allo 0,02 sui mercati non regolamentati) e si tassano tutte le operazioni, tutti i titoli, soprattutto i derivati che sono l’80% di tutte le transazioni, tranne i titoli di Stato. Inoltre la norma scoraggia le transazioni ad alta frequenza, quelle ad esempio fatte in automatico con il computer per le quali è prevista una tassazione doppia”.

Anche la Tobin rivisitata dovrebbe inoltre andare a riduzione del peso fiscale sul lavoro: “Sarà una misura più efficace e più equa e il gettito andrà a riduzione del cuneo fiscale che grava su lavoratori e imprese. Puntiamo ad un gettito di 1 miliardo scontando anche che le transazioni potrebbero diminuire, soprattutto quelle seriali”.

“Il nostro emendamento – spiega Edoardo Fanucci, uno dei firmatari – è una grande opportunità di introdurre criteri di equità e trasparenza, estendendo a tutte le transazioni sui prodotti derivati una tassa dello 0,01 per cento. Si tratta, in sostanza, di migliorare la norma attuale che pesa solo su alcuni operatori, abbassando l’aliquota secondo il principio di far pagare meno ma tutti. La Tobin tax risponde ad un obiettivo fondamentale del Partito Democratico, cioè quello di spostare le risorse dalle rendite al lavoro perché il nuovo gettito sarebbe usato per abbassare il cuneo fiscale. Sarebbe davvero un peccato se il governo non cogliesse questa opportunità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge di Stabilità, approvata la Google tax. I giganti del web apriranno la partita Iva

prev
Articolo Successivo

Banca d’Italia, quella strana fretta sulla rivalutazione a 7,5 miliardi

next