“Diventerai obeso se mangi troppe merendine”: dimenticate questa e altre minacce simili. Con i bambini non funzionano, anzi rischiano di sortire l’effetto opposto e indesiderato. Servono invece approcci didattici coinvolgenti e magari anche divertenti perché i piccoli acquisiscano nel tempo delle sane abitudini alimentari. A rivelarlo è lo studio “Cibo, cultura e identità – possibili percorsi per la scuola primaria”, dell’Università di Milano-Bicocca

La ricerca ha coinvolto nella sua prima fase 15 docenti di 9 istituti scolastici della Lombardia, e successivamente è stato esteso a sette province lombarde: hanno partecipato in tutto 150 insegnanti insieme ad altre venti figure professionali fra dietiste, dietologi, operatori di ASL e di orti botanici. Secondo i risultati il cosiddetto “metodo prescrittivo” non è efficace: in altre parole approcciarsi alla tavola come si fa davanti a una lezione di imparare non serve ad allontanare i bambini dal pericolo rappresentato da cibi grassi e ricchi di conservanti. Tanto meno – come si accennava – è utile colpevolizzarli o terrorizzarli prevedendo severe punizioni per ogni snack in più.

«L’idea su cui si fonda il progetto – ha spiegato la coordinatrice Elisabette Nigris, docente di Didattica e Pedagogia Speciale – è quella secondo cui la complessità del rapporto fra uomo e cibo non può essere ridotta e ricondotta a meri contenuti disciplinari e non può prescindere dal fatto che il rapporto col cibo richiama dinamiche relazionali profonde. L’educazione alimentare quindi non può essere tradotta in termini di regole nutrizionali e nemmeno di dettami etico-comportamentali, che non tengano conto delle rappresentazioni individuali, sociali e culturali di cui sono portatori i comportamenti alimentari dei singoli soggetti».

Consapevolezza e dialogo sono le chiavi di accesso a una corretta alimentazione fin dalla più tenera età: stando alla ricerca dell’università meneghina, ai genitori e agli insegnanti deve essere assegnato il non semplice compito di creare delle situazioni piacevoli e un contesto didattico ma gradevole e positivo: sedersi a tavola a parlare, coinvolgere i figli nella preparazione del cibo, utilizzare strumenti indiretti come immagini, storie o video, per lasciare al bambino la scelta di aderire alla proposta educativa assecondando i propri modi e tempi.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vini: tre Barbera pericolosamente beverini

next
Articolo Successivo

“Spesa sospesa”, in Lombardia con 3 euro si possono aiutare le vittime della crisi

next