Decadenza di Berlusconi. Scissione del Pdl. Annuncio del rilancio programmatico del governo previo rinnovo della fiducia in Parlamento. E poi la notizia bomba della bocciatura della legge elettorale alla Consulta. Il momento politico inquieta ma non annoia. Cosa c’è dietro l’angolo? Molto dipenderà dall’esito delle primarie del Pd, fissate per domenica prossima. Quale ipotesi è da ritenersi ad oggi la più probabile? L’abbiamo domandato ai cittadini per le strade di Milano, dove sfiducia e pessimismo si alternano alla residua speranza di un radicale cambiamento. Lo chiediamo ora a voi. Le primarie del partito democratico, che vedono lo scalpitante Renzi in pole position nei pronostici, accelerano la corsa alle elezioni anticipate – previa definizione della legge elettorale – oppure il governo Letta, nonostante tutti gli scossoni e con gli opportuni aggiustamenti in aderenza ai mutati equilibri politici, avrà un consolidamento, come propone il presidente Napolitano, in modo da traghettare il paese oltre il semestre europeo a guida italiana, che si concluderà a fine 2014? dite la vostre nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Che fare contro la ludopatia? Il vox del Fatto più il sondaggio

prev
Articolo Successivo

Porcellum incostituzionale, come sostituirlo? Il vox di Ricca e il sondaggio

next