Da un mese 52 cittadini italiani sono bloccati a Kinshasa, capitale della Repubblica democratica del Congo. La colpa? Di una firma. Sono tutti genitori adottivi in attesa di poter rientrare in patria insieme ai loro figli. A raccontare la vicenda sono gli stessi protagonisti di questa disavventura. Chiedono risposte e aiuto alle autorità italiane affinché intervengano per mettere ordine nel complesso pasticcio burocratico in cui sono piombati. Dalla Farnesina rispondono che conoscono il problema e che sono “intenzionati a promuovere ogni iniziativa utile per favorire il pronto rientro in Italia di genitori e bambini”.

Ma andiamo con ordine. Bloccate nelle secche della burocrazia internazionale ci sono 26 coppie di genitori adottivi che, dopo aver sbrigato tutta la lunga e doverosa trafila legale prevista per l’adozione (colloqui con psicologi, forze dell’ordine, magistrati del tribunale dei minori), hanno ricevuto l’agognato via libera per andare nella Repubblica democratica del Congo a incontrare quelli che a tutti gli effetti sono i loro figli e portarli finalmente in Italia.

“L’autorità congolese che rilascia i visti di uscita per i bambini ha bloccato il suo lavoro da due settimane e quindi sono qui in attesa con altre coppie – racconta Maura Prianti, neo mamma di due bambine – ma dall’Italia tutto tace”. Ma che c’entra l’Italia? “Se io sono qui e se qui ci sono altri 51 cittadini italiani insieme ai loro figli, che già hanno un cognome italiano, è perché la Commissione per le adozioni internazionali (Cai), ha deciso che potevamo partire per venire finalmente ad abbracciare i nostri figli”, spiega Maura, che poi continua: “L’ambasciata italiana a Kinshasa non lo sapeva? Mi sembra strano, ma se due organismi ufficiali dello Stato italiano non si parlano non è un problema mio, né delle mie figlie. Loro sono mie figlie perché ben due sentenze di due tribunali congolesi dicono che lo sono. Lo confermano i timbri dei vari ministeri congolesi, oltreché l’autorizzazione all’ingresso e alla residenza permanente rilasciata dal mio Stato”.

Nel corso del lungo iter previsto per le adozioni, quando questo era quasi concluso e l’ambasciata italiana aveva dato il suo ok, la Commissione per le adozioni internazionali ha cambiato unilateralmente l’ente di riferimento (necessario per completare l’operazione): “Un ente che non avevamo né scelto né mai incontrato prima, ma che abbiamo dovuto pagare e accettare in silenzio. Anche in questo caso abbiamo rispettato una decisione presa dallo Stato italiano, che ci è costata un ulteriore esborso economico e tanto stress. Perché lo Stato decide, ma a pagare siamo noi”. Così passano le settimane e il 25 settembre l’autorità congolese ha comunicato allo Stato italiano e a tutti i Paesi che adottano in Repubblica democratica del Congo che, essendo venuti a conoscenza di seconde adozioni (cioè di bimbi dati di nuovo in adozione), avrebbe bloccato tutti i permessi in uscita per i minori congolesi per i successivi 12 mesi. “Un fulmine a ciel sereno per noi che avevamo il volo cinque giorni dopo. L’Italia non c’entra nulla con questa storiaccia delle seconde adozioni: da noi non solo non sarebbe possibile, ma è un reato. In un mese, infatti, l’Italia riesce a dimostrare che da noi le adozioni sono tutte regolari che i bimbi adottati stanno bene e stanno con le loro famiglie”.

Ma i giorni passano e si arriva al 7 novembre: le coppie che hanno ricevuto il via libera partono. Arrivati in Congo abbracciano i loro figli e, come prevede la legge locale, depositano i passaporti in attesa dei visti per l’uscita: “In genere, ci vogliono un paio di settimane, ma deve essere successo qualcosa, non sappiamo bene cosa, perché non siamo stati informati dalla nostra ambasciata – lamenta Maura – Sembra che le autorità congolesi abbiano ritrovato nuove irregolarità in documenti di coppie non italiane”. Ora le famiglie italiane bloccate sperano di poter rientrare almeno per Natale e si appellano alla Farnesina affinché risolva la loro situazione.

“È una vicenda di cui non ci sfuggono i risvolti umani – fanno sapere dalla Farnesina – e alla quale stiamo dedicando massimo impegno, sia al ministero che tramite la nostra ambasciata a Kinshasa”. Stando alle indicazioni che arrivano dal ministero degli Affari esteri l’ambasciata avrebbe attivato tutti i possibili canali di comunicazione con le autorità locali per ottenere un celere rientro in Italia di genitori e bambini. Al momento non c’è stato alcun riscontro da parte delle autorità congolesi. “Il nostro ambasciatore ha portato la vicenda all’attenzione del ministro dell’Interno di Kinshasa e dello stesso primo ministro, chiedendo di essere ricevuto in tempi brevi”, ha spiegato il portavoce della Farnesina che ha anche ricordato come il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge abbia effettuato a inizio novembre una missione a Kinshasa con il preciso scopo di sbloccare le pratiche adottive. “Confermo la prioritaria attenzione con cui la vicenda continuerà a essere seguita dalla Farnesina e dal ministro Emma Bonino personalmente, in stretto coordinamento con gli uffici del ministro per l’Integrazione e con la Cai”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco contro la pedofilia nella Chiesa, sarà istituita una commissione

prev
Articolo Successivo

Sangue a Quarto Oggiaro, l’intercettazione I Tatone: vuole prendersi il giro della coca

next